di Patrizia Moietta on 29 ottobre 2021
Patrizia Moietta
Find me on:

Google è pronto a rivoluzionare la SEO e il modo di ricercare informazioni online.

Il “continuous scrolling”, ossia lo scorrimento continuo, sta arrivando sulle ricerche Google effettuate da dispositivi mobili. È questa l’ultima novità della Grande G, che da qualche tempo a questa parte sta riprogettando la pagina dei risultati di ricerca da smartphone per assicurare agli utenti un’esperienza sempre più fluida, semplice da recepire e comoda da fruire.

Molte domande sorgono spontanee:

Vuoi saperne di più? Continua a leggere!

 

Come cambia la pagina dei risultati di ricerca?

La SERP, ovvero la Search Engine Results Page (pagina dei risultati di ricerca), appare come un flusso di informazioni ininterrotto e stimolante alla navigazione dell'utente. Per intenderci, il tutto sarà simile al feed dei social network, con uno "scroll infinito".

Il colosso di Mountain View, nel suo annuncio ufficiale, ha dichiarato

“In Google, esploriamo sempre nuove strade per aiutare le persone a trovare ciò che stanno cercando in modo facile e veloce. All’inizio di quest’anno, abbiamo lanciato un restyling della pagina dei risultati di ricerca sui dispositivi mobili per un’esperienza più moderna, più semplice da consultare e navigare.”

L’introduzione dello scorrimento continuo sembra seguire proprio questa logica strategica. Tra qualche tempo, ogni ricerca effettuata da device mobile non comporterà più il clic sulla pagina successiva, ma il caricamento automatico di ulteriori risultati una volta che l’utente raggiunge la parte inferiore di una pagina attraverso lo scroll. 

Ecco un'anteprima della nuova SERP, rilasciata direttamente da Google:

continuous scrolling

 

Come cambia la SEO e la ricerca di informazioni online?

Il principale vantaggio di questo cambiamento consiste in un maggiore comfort nell’analizzare i diversi risultati di una query, quasi certamente. Tuttavia, dal punto di vista di noi marketer, l’attenzione è puntata anche su altri fattori.

Se consideriamo che uno dei fondamenti della SEO risiede nell’interesse che gli utenti manifestano nei confronti dei primissimi risultati in prima pagina, sarà interessante scoprire se il continuous scrolling sarà di vantaggio a chi si colloca nelle posizioni successive, finora relativamente nascoste e meno consultate. 

Potrebbe quindi cambiare l’approccio SEO, dal momento che piano piano (e per ora solo sui dispositivi mobile) si smetterà di fare riferimento a pagina 1, pagina 2, pagina 3 e via discorrendo? C’è chi pensa di sì e chi pensa di no. 

Al momento attuale è difficile fare pronostici precisi, se non altro perché le dinamiche di ricerca che guidano gli utenti non sono poi così meccaniche, né eccessivamente rigide e predeterminate. Pensa ad esempio agli Ads che si annidano nella parte bassa dei risultati da mobile, e che non prestano poi molta attenzione alla paginazione! 

Anche il comportamento della SERP non è facilmente pronosticabile, dal momento che questa non ritiene necessariamente che un risultato di qualità debba per forza trovarsi in prima pagina. 

 

Come evolve il comportamento degli utenti?

user-experience seo google cambia pagina risultati serp

Sempre di più e a prescindere dal funzionamento degli algoritmi, gli specialisti della SEO dovranno comunque tenere presente che gli utenti della rete evolvono, cambiano, diventano sempre più smart

Questo significa che non si limitano più a effettuare una ricerca e dare un’occhiata veloce ai primi cinque risultati su Google, ma confrontano, leggono, guardano, interagiscono – specialmente se devono prendere una decisione d’acquisto.

Rimangono dunque in qualche modo un passo avanti rispetto alle macchine e sono, almeno in parte, imprevedibili nei loro comportamenti.

 

Qual è l'obiettivo dello scorrimento continuo?

Lo scopo finale di questa novità è ispirare gli utenti, rendendo accessibili in modo più naturale e comodo più risultati di ricerca. Google sostiene che un utente davvero interessato può arrivare a consultare fino a quattro pagine, specialmente se ha posto una domanda aperta. Un esempio: “Come posso lavorare le zucche per Halloween?”

Puoi facilmente intuire perché: chi è alla ricerca di suggerimenti o ispirazioni sarà, per sua natura, più incline a esplorare diverse opzioni e quindi a consultare un numero più elevato di fonti. 

Lo scorrimento continuo nelle ricerche da mobile, che ormai sono dominanti nell’utilizzo della rete, potrebbe quindi portare risultati sorprendenti che gli specialisti di marketing digitale non hanno finora tenuto in considerazione. Nelle parole di Google, “scorrendo una gamma più ampia di risultati potresti scoprire tantissime opzioni a cui non avevi ancora pensato.” 

Per gli utenti particolarmente curiosi, questa nuova esperienza di ricerca potrebbe quindi rivelarsi estremamente funzionale

Nel momento in cui scriviamo questo articolo, il continuous scrolling viene progressivamente implementato solo per le query in lingua inglese provenienti dagli Stati Uniti, e non esiste ancora una data di deployment per l’Italia. Ma siamo certi che non tarderà ad arrivare.

 

Vuoi saperne di più sulla SEO e sulla novità che promette di rivoluzionare le ricerche online?

Parlane con nostro specialist!

Topics: Digital Marketing, SEO

Patrizia Moietta

Patrizia Moietta

Sono la responsabile Marketing & Comunicazione. Sviluppo piani di marketing strategici, con l’obiettivo di migliorare la brand awareness di Naxa e la lead generation.