di Veronica Basaglia on 19 giugno 2018
Veronica Basaglia
Find me on:

Che l’evoluzione al 4.0 abbia portato e stia portando alla nascita di figure professionali sempre nuove, sempre più diversificate e sempre più specifiche è cosa ormai nota. Tuttavia, fa certamente sorridere a denti stretti scoprire che, secondo Focus, uno dei nuovi mestieri che saranno sempre più gettonati è quello del curatore del testamento digitale.

Una volta superata l’iniziale fase di sorpresa, tuttavia, è sufficiente una riflessione meno superficiale per comprendere come una figura come questa sia effettivamente indispensabile. Nel momento in cui una persona passa a miglior vita, infatti, i suoi beni non includono più solamente immobili e patrimoni, ma anche altro – non meno importante e non meno degno di salvaguardia. Ci riferiamo alle password, agli account, ai profili e alle pagine sui social network, alle disposizione di accredito e addebito online e via discorrendo.

In pratica, il digitale è ormai intrinsecamente legato al nostro quotidiano, tanto quanto la nostra casa o la nostra auto e, nel caso di un caro estinto, dovrà dunque essere considerato e gestito con la massima attenzione.

La figura del curatore del testamento digitale è già una realtà negli Stati Uniti, tanto che la rivista Focus lo definisce addirittura un “imbalsamatore online”. Tra i pionieri di questa nuova professione c’è Annette Adamska, CEO della società “Back Up Your Life”.

Ma come opera l’azienda?

Inizia intervistando il proprio cliente, così da mettere nero su bianco cosa questi desidera sia documentato, condiviso, archiviato o cancellato. Back Up Your Life prevede piani di servizio specifici per la gestione di varie tipologie di attività online: dai profili sui social media alle iscrizioni online, dall’archiviazione delle password ai documenti in cloud ai pagamenti ricorrenti, e via discorrendo.

Il piano base, del costo di 345 dollari, prevede la valutazione della propria situazione e un colloquio dedicato. Secondo la CEO di Back Up Your Life, “è importante che altre persone nella vostra vita possano accedere a questi servizi e sappiano come volete che siano gestiti”.

Paradossalmente, la maggior parte dei clienti di Back Up Your Life ha un’età compresa tra i 30 e i 40 anni, ma forse non dovrebbe neanche stupire. Le nuove generazioni sono infatti più avvezze alla vita digitale e ne comprendono sempre di più l’impressionante portata nel loro quotidiano.

Continua la Adamska: “Aiuto i miei clienti con una strategia generale e lavoro con loro per creare un piano d'azione personalizzato su ciò che devono fare per lasciare indicazioni agli altri”.

E l’aspetto della sicurezza? Nella maggior parte dei casi, i clienti non devono neppure fornire le loro password o informazioni riservate. I dati sensibili sono infatti custoditi al sicuro su una piattaforma online terza, autorizzata a renderli accessibili alle persone designate soltanto al momento giusto.

Topics: Digital Marketing

Veronica Basaglia

Veronica Basaglia

Da molti anni mi occupo di contenuti destinati al Marketing Digitale, all'Advertising sulle piattaforme più diverse e alla Comunicazione. Le mie specializzazioni includono il persuasive copywriting, il content marketing, la SEO e il blogging nelle categorie merceologiche più diverse, ma anche la direzione creativa, l'ideazione di strategie multicanale/omnicanale e la consulenza in ambito progettuale. Le mie competenze in Naxa sono relative ai servizi SEO, Social Media Marketing, Inbound Marketing, Content Strategy, Email Marketing, Brand Positioning & Communication.