di Marco Anzani on 10 maggio 2017
Marco Anzani

Se hai un sito web, partirai certamente da Google Analytics per analizzare alcuni dei tuoi dati e metriche. È infatti questo il modo principale per scoprire se il tuo sito sta ottenendo traffico e per conoscere le pagine più visitate.

Le informazioni offerte da Google Analytics sono la base per moltissime decisioni di SEO e, più in generale, per stabilire le corrette strategie di web marketing. Ma sei certo di sapere come utilizzare al meglio questo importante strumento? Se il traffico generale del sito e le sue pagine più visitate sono le sole informazioni che cerchi di solito, è possibile che il nostro articolo ti sia utile!

Ecco quindi cinque trucchi per massimizzare la potenza di Google Analytics.

L’importanza dell’analisi in-page

L’analisi in-page ti offre informazioni importanti in merito a quali link i tuoi utenti cliccano su singole pagine del suo sito. In questo modo potrai scoprire se e quali collegamenti del tuo sito vengono ignorati e quali, invece, catalizzano la maggior parte dell’attenzione. Con queste informazioni alla mano potrai prendere importanti decisioni in merito al layout delle tue pagine, alla loro navigabilità e all’inserimento di link più specifici e appropriati.

Monitoraggio della velocità

È fastidioso quando un sito si carica troppo lentamente, vero? Il monitoraggio della velocità del tuo sito è quindi importantissimo perché tu possa evitare ai tuoi visitatori di vivere questa sgradevole esperienza. Google Analytics ti offre la possibilità di visualizzare quali pagine del tuo sito web hanno i tempi di caricamento più rapidi. Non solo: Google ti offre anche interessanti suggerimenti in merito a come migliorare la velocità di caricamento delle pagine.

Identificazione dei problemi

Sarebbe bellissimo se ogni singola pagina del tuo sito fosse realizzata in modo perfetto, ma purtroppo è quasi impossibile. Un’analisi accurata dei problemi delle singole pagine ti permetterà quindi di stabilire quali “gambe del tavolo” sono più cedevoli, e intervenire di conseguenze. Per individuarle, ti basterà scoprire quali sono le pagine nelle quali i tuoi utenti entrano per uscirne immediatamente dopo.

Osservare il flusso di comportamento

Prima regola: sapere da quale “porta” i visitatori entrano nel tuo sito web e in che modo lo navigano. Seconda regola: scoprire come si comportano mentre si trovano nella tua “casa virtuale”. Osservare e valutare le metriche di comportamento degli utenti ti permetterà di identificare meglio quali contenuti possono davvero generare lead di valore.

Scegli la tua analisi

Dal momento che i dati proposti da Google Analytics sono davvero un’infinità, riuscire a muoversi nella dashboard potrebbe essere problematico. Puoi risolvere questa criticità semplicemente impostando una dashboard personalizzata, che metta in evidenza soltanto le metriche che ti interessa tenere d’occhio. Ricorda che puoi creare anche più di una personalizzazione. Un altro buon suggerimento è quello di impostare avvisi nella sezione Eventi di Intelligence di GA.

In conclusione, ricorda sempre che l’analisi dei dati – svolta in modo smart e produttivo – è la componente fondamentale per sfruttare al meglio le potenzialità del tuo sito!

Un altro suggerimento bonus è impostare avvisi nella sezione Eventi di Intelligence di GA. Questo genererà un avviso quando vi è un evento univoco che comporta un salto di poco nel traffico verso il tuo sito.

Può essere facile arrivare in una rotta quando si esamina analisi e che può finire per impedire di ottenere il massimo utilizzo dai dati disponibili. Lasciate che questi suggerimenti ti aiutino a sfruttare al meglio le analisi del tuo sito.

Topics: Digital Marketing